La copertina dell’Economist 2019 e` piena di messaggi criptici

Pubblicato da neovitruvian

Uno sguardo al simbolismo criptico trovato sulla copertina dell’Economist “The World in 2019” che include i Quattro Cavalieri dell’Apocalisse. Cosa stanno cercando di dirci?

Ogni dicembre, la rinomata rivista The Economist pubblica un’edizione speciale che prevede le tendenze e gli eventi dell’anno a venire. E ogni volta, la copertina di queste edizioni è un’elaborata raccolta di immagini che si riferiscono a varie persone e concetti. Mentre il significato di alcune di queste immagini è ovvio, altri sembrano essere codificati per “quelli che sanno”. L’edizione di quest’anno non fa eccezione. In realtà, è più criptica che mai.

Perché qualcuno dovrebbe passare il tempo a decifrare queste copertine? Perché il The Economist non è solo una pubblicazione – è direttamente connesso con l’élite mondiale. È in parte proprietà della famiglia bancaria inglese Rothschild e il suo redattore capo, John Micklethwait, ha partecipato più volte alla Conferenza del Bilderberg. In breve, la leadership diell’Economist ha una conoscenza approfondita del programma elitario e fa del suo meglio per promuoverlo.

In questa copertina del 1988 dell’Economist vediamo la creazione di una moneta mondiale chiamata Phoenix – uno dei simboli preferiti dell’élite occulta. L’uccello si erge su una pila di monete nazionali in fiamme.

Come potete vedere nei miei articoli sulle edizioni 2015 e 2017 del The Economist, queste copertine sono spesso piene di simbolismo d’élite occulto, mescolate a messaggi sottili sui molti modi in cui l’élite controlla le masse. L’edizione 2019 è più sfacciata che mai.

IL MONDO NEL 2019

Questa è la descrizione pubblicata dal The Economist sul suo sito ufficiale:

Il mondo nel 2019 si baserà su tre decenni di successo editoriale: sarà la 33a edizione. Guarderà avanti alle prospettive dell’amministrazione Trump con un nuovo Congresso, la realtà della Brexit, le elezioni in India, Indonesia, Nigeria e in tutta Europa, l’intelligenza artificiale e la Cina, I viaggi nello spazio 50 anni dopo l’atterraggio sulla Luna e alla cultura 500 anni dopo Leonardo da Vinci.

Si noti che la descrizione ha sottolineato il fatto che “questa sarà la 33a edizione”. Perché enfatizzare questo dato numerologico casuale? Perché il 33 è il numero più importante nella Massoneria? Ciò avrebbe senso perché la copertina presenta un intenso simbolismo massonico attraverso le opere di Leonardo da Vinci.

LEONARDO DA VINCI

Il tema principale di questa copertina è Leonardo da Vinci perché il 2019 segnerà il 500 ° anniversario della sua morte. Come tale, lo stile artistico sembra riprendere un manoscritto di da Vinci.

Il primo dettaglio che si potrebbe notare è la scrittura speculare. Perché tutto è scritto al contrario? Il fatto che Da Vinci scriveva spesso specularmente e` un mistero. Alcuni sostengono che non volesse sporcarsi di inchiostro mentre stava scrivendo; altri credono che non volesse che altre persone rubassero le sue idee. Coloro che hanno studiato le tendenze occulte di da Vinci credono che la sua scrittura all’indietro possa avere qualcosa a che fare con il fatto che volesse nascondere le sue conoscenze esoteriche. Ai suoi tempi, coloro che lo accusavano di essere un eretico chiamarono le sue opere scritte al contrario “scritti del diavolo”. Nei circoli occulti, la scrittura speculare è spesso associata al satanismo e alla magia nera, basata sull’inversione dei simboli.

Diamo un’occhiata al simbolismo della copertina.

L’UOMO VITRUVIANO

Al centro della copertina c’è l’uomo vitruviano, famoso disegno di Leonardo da Vinci raffigurante un uomo compreso in un cerchio e un quadrato. Si dice che sia una rappresentazione dell’”l’uomo perfetto”.

L’originale uomo vitruviano con i commenti di Leonardo da Vinci scritti al contrario.

Mentre l’Uomo Vitruviano è spesso descritto come uno “studio delle proporzioni umane”, ha un significato simbolico molto più profondo nei circoli occulti – specialmente nella Massoneria. Rappresenta esotericamente il corpo umano (il microcosmo) come riflesso dell’intero universo (il macrocosmo) – un principio ermetico riassunto dal detto “Come sopra, così sotto”.

Lo schizzo di Da Vinci era basato sulle opere di Vitruvio, un architetto romano considerato il “Primo Gran Maestro” della Massoneria. In modo abbastanza appropriato, l’Uomo vitruviano descrive visivamente il fine ultimo della Massoneria: ovvero la quadratura del cerchio.

Nel simbolismo massonico, il quadrato rappresenta il corpo fisico e il cerchio rappresenta l’anima. Su una scala più ampia, il quadrato rappresenta il mondo materiale, mentre il cerchio rappresenta il regno spirituale. Uno degli scopi della Massoneria è armonizzare questi due mondi opposti (fisico e spirituale) per creare l ‘”uomo perfetto”. Questo concetto è pienamente rappresentato nel logo della Massoneria.

La squadra e il compasso massonici

Il logo della Massoneria combina una squadra e un compasso: due strumenti utilizzati nell’architettura. la squadra è usata per disegnare quadrati mentre il compasso viene usato per disegnare cerchi. Con la “quadratura del cerchio”, si dice che il massone realizzi la divinità.

Non approfondirò le connessioni tra da Vinci e l’occultismo perché ciò richiederebbe un intero libro (e non sto parlando del Codice da Vinci). Ricordiamoci che, per la sua 33a edizione di fine anno, il The Economist presenta un “moderno” uomo vitruviano.

L’uomo vitruviano del 2019 indossa occhiali per la visione notturna, o forse dei visori per la realta` virtuale. La sua visione viene migliorata o peggiorata da questo apparato tecnologico? Nelle sue mani tiene una foglia di cannabis, una palla da baseball e uno smartphone. Si potrebbe sostenere che tutte queste cose sono usate per distrarre e pacificare l’uomo moderno attraverso le compagnie farmaceutiche, la grande tecnologia e l’intrattenimento.

L’uomo vitruviano ha anche due tatuaggi. Sul suo avambraccio c’è una doppia elica, il simbolo che rappresenta il DNA. Molto probabilmente si tratta di un riferimento all’intensa ricerca sulla modificazione del DNA avvenuta nel settore privato. Il DNA dell’uomo vitruviano è stato alterato?

Nei pressi del suo cuore è tatuato “# MeToo”. Mentre il movimento #metoo avrebbe dovuto mostare il lato oscuro di Hollywood, ha anche creato un clima di censura e repressione in cui molte persone sono state accusate, giudicate e condannate all’espulsione dalla sfera pubblica.

In una mano, l’Uomo vitruviano tiene una bilancia – un classico simbolo che rappresenta la giustizia. Tuttavia, la bilancia è fortemente inclinata sul lato che ha 5 persone contro 4. È questa la Corte Suprema degli Stati Uniti, che ha recentemente eletto un nuovo giudice controverso?

Nel complesso, il moderno uomo vitruviano sembra essere cieco, indebolito, distratto e represso. Il cerchio attorno a lui che un tempo simboleggiava il regno spirituale è ora la Terra. L’uomo vitruviano ha perso la sua anima? Ora si preoccupa solo delle questioni terrene?

RICONOSCIMENTO FACCIALE

La copertina presenta una replica esatta dello schizzo di Da Vinci che analizza le proporzioni della testa umana. Sopra l’immagine è scritto (al contrario) “Riconoscimento facciale”, che rappresenta il passo successivo nella tecnologia di sorveglianza del Grande Fratello.

Un titolo dal The Guardian su Taylor Swift che ha fatto scannerizzare i volti dei suoi fan senza preavviso o consenso.

La copertina del The Economist analizza anche le proporzioni della testa di Donald Trump.

Le linee sulla testa di Trump sono diverse da quelle sopra. Notare il contorno di una bandiera americana rovesciata

I GASDOTTI DI PUTIN

L’altro capo di stato in copertina è Vladimir Putin con le parole “Pipeline di Putin”. Questo è un riferimento ai gasdotti che vengono costruiti dalla Russia, dalla Siria, dagli Stati post-sovietici e persino dall’Europa. NordStream 2, un gasdotto che collega la Russia alla Germania, dovrebbe essere completato nel 2019. Questo progetto altamente controverso è stato ritenuto un “atto di tradimento” dalla Germania, poiché i critici dicono che lascerà l’Europa alla mercé dell’energia russa.

TurkStream, un gasdotto Russia-Turchia, è stato lanciato nel novembre 2018 e contribuirà a consolidare l’economia e l’influenza regionale della Russia.

PINOCCHIO

Proprio dietro a Putin c’è Pinnochio – un burattino il cui naso cresce dopo aver detto una bugia (fatto divertente: il racconto di Pinocchio è anche una profonda allegoria massonica). La copertina quindi implica che qualcuno mentirà nel 2019. Ma chi? Trump e Putin (gli unici due politici in copertina)? L’élite in generale? Kanye West? Nessuna risposta sembra essere chiara. Solo il The Economist dice alle masse che gli viene mentito in generale. Grazie ragazzi.

I QUATTRO CAVALIERI DELL’APOCALISSE

Proprio sotto Putin, in piedi sul Nord Europa e di fronte all’America, ci sono i Quattro Cavalieri dell’Apocalisse. Il libro dell’Apocalisse descrive i cavalieri come messaggeri del Giudizio Universale. Si dice che il Cavallo Bianco simboleggi la Conquista, la Pestilenza e la venuta dell’Anti-Cristo; Il cavallo rosso rappresenta la guerra; il Cavallo Nero è associato alla Carestia e il Cavallo Pallido porti la Morte. Previsioni alquanto catastrofiche.

Perché il The Economist ha aggiunto queste figure bibliche estremamente minacciose alla copertina? Non c’è una spiegazione chiara.

CICOGNA

Questo può essere interpretato in alcuni modi, e tutti sono sconvolgenti. È la rappresentazione classica di una cicogna che trasporta un neonato. Tuttavia, c’è un dettaglio importante: c’è un codice a barre sulla sacca che trasporta il bambino.

Questo potrebbe essere un riferimento ai bambini creati in laboratorio con specifiche (editando il genoma si ottiene il bambino desiderato), una pratica controversa che dovrebbe acquisire slancio nel 2019.

Un bambino ottenuto con questa pratica è un embrione umano che è stato geneticamente modificato, di solito seguendo le linee guida stabilite dal genitore o dallo scienziato, per produrre tratti desiderabili. Questo viene fatto usando vari metodi, come la germinazione genetica o la diagnosi genetica preimpianta (PGD). Questa tecnologia è oggetto di un dibattito etico, sollevando il concetto di “superumani” geneticamente modificati per incrociare e infine sostituire gli esseri umani moderni.
– Wikipedia

Il secondo significato di questa immagine potrebbe essere il traffico di bambini. I codici a barre sono posizionati sui prodotti per tracciare l’inventario e completare le transazioni.  È un modo piuttosto efficace (e inquietante) di simbolizzare il traffico di bambini.

Infine, considerando il fatto che la cicogna è proprio sotto i quattro cavalieri dell’Apocalisse, questa immagine potrebbe anche avere un significato biblico. Il Libro dell’Apocalisse afferma che, dopo il rapimento, le persone sulla Terra saranno state costrette a ricevere il “marchio della Bestia” (666) per “comprare o vendere”. Il marchio della bestia verra` applicato alla nascita per costringere una persona a sottostare al regno del male?

ALTRE IMMAGINI

La copertina contiene molte altre immagini riferite agli eventi che il The Economist prevede avverranno nel 2019. Ecco una rapida carrellata.

In cima alla copertina, una freccia indica la macchina volante di da Vinci verso la luna. Questo potrebbe essere un riferimento alle molte società private che mirano a viaggiare sulla luna nel 2019. Va anche notato che stiamo vedendo la luna crescente sulla copertina, il principale simbolo associato all’Islam.

C’è un’altra “macchina volante” (una vera e propria) sotto le parole “Nuovi orizzonti dell’Ultima Thule”. Questo si riferisce al veicolo spaziale New Horizons della NASA che si avvicinera` al misterioso oggetto distante Ultima Thule a Capodanno.

Sotto la luna è un vulcano. C’e` da aspettarsi l’eruzione di un vulcano?

In basso a sinistra (in piedi sul Brasile) c’è un pangolino. È sotto  minaccia dell’estinzione.

Il 2019 sarà il 150 ° anniversario della nascita di Gandhi; È anche il 200 ° anniversario della nascita di Walt Whitman (mostrato sotto Pinnochio).

Angelina Jolie è il volto di Mona Lisa – il capolavoro di da Vinci. In cima alla copertina vediamo “Angelina Jolie: rispondere ai rifugiati”. Potrebbe essere utilizzata per promuovere il nuovo “Patto di migrazione” delle Nazioni Unite. In effetti, la Jolie è attualmente l’inviato speciale dell’UNHCR, l’Agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite.

CONCLUDENDO

La copertina di “The World in 2019” è una riflessione dell’élite occulta. Combina simbolismo occulto con riferimenti al controllo e alla manipolazione delle masse. Ci vuole anche un bizzarro piacere nel preannunciare eventi catastrofici con riferimenti vaghi e inspiegabili.

Al centro di tutto c’è l’Uomo vitruviano, un simbolo usato dai massoni per rappresentare un umano che raggiunge il pieno potenziale. Tuttavia, la versione 2019 è accecata e distratta da cio` che propone l’élite. Seguiremo il sentiero desolato che prevedono?

Fonte

RISVEGLI TEDESCHI: “MA IL BREXIT DANNEGGIA ‘NOI’!?”

Maurizio Blondet 20 dicembre 2018

“Dobbiamo essere chiari. Più di 750.000 posti di lavoro in Germania dipendono dalle esportazioni verso la Gran Bretagna. Le catene di produzione e approvvigionamento just-in-time sono a rischio “:  così Eric Schweitzer, capo delle Camere di commercio e industria tedesche (DIHK), ha avvertito che “la Brexit minaccia enormi conseguenze per l’economia tedesca”. “Abbiamo solo tre mesi e nessuno dovrebbe  scherzare. Senza un accordo non c’è fase di transizione, di cui le nostre aziende hanno fortemente bisogno “:  così Dieter Kempf, presidente della Federazione dell’industria tedesca (BDI).  L’indice IFO sul senimento degli esportatori tedeschi è precipitato. “Sono assaliti dal timore di un Brexit duro”, diagnostica l’IFO. Che è il potente istituto-consigliere della Cancelliera,  quello presieduto de Clemens Fuest, che da mesi minaccia l’Italia: “La  pazienza di Berlino è finita”.

https://www.ilfoglio.it/economia/2018/04/13/news/la-pazienza-di-berlino-e-finita-intervista-a-clemens-fuest-189323/

Mettiamoli sotto la categoria “Risvegli”, titolo come si sa di un  celebre esperimento psichiatrico. Come spiega Evans-Pritchard in uno dei suoi magistrali articoli sul Telegraph,  sul Brexit  le lobby industriali germaniche hanno guardato con degnazione: poveri inglesi, danno spettacolo di autolesionismo economico… ed hanno lasciato che la Commissione UE ponesse in atto il processo che mira a punire, ed umiliare,  Londra per ammaestrare tutti gli altri di quanto sia  costoso e pericoloso uscire dalla loro gabbia. Ciò che la dirigenza tedesca  – così tanto lungimirante –  non immaginava era che il parlamento britannico potesse bloccare l’accordo di ritiro che Juncker (meglio, il suo badante Selmayr, uomo-Merkel) avevano fatto ingoiare alla MaY, umiliandola e trattandola da serva.

Ricordiamo cosa i dèspoti hanno fatto ingoiare alla May: pagamento di 39 miliardi di sterline alla Kommissione,  per avere  in cambio il privilegio di dover accettare tutte le nuove direttive UE per due anni, non avendo più su di esse né voce  in capitolo né diritto di veto. In più, gli “strappano” l’Irlanda del Nord  (parole di Selmayr) che resta nella UE. In più, il derelitto Regno Unito, ridotto a stato-paria, avrebbe dovuto  rinegoziare un nuovo accordo  di commercio  con ciascuno dei 27 stati della UE, compresi ovviamente i baltici, Slovenia e Croazia: “un incubo negoziale”, dice Evans Pritchard, “alla fine del  quale il Regno Unito probabilmente finirà per dover accettare l’intero mercato unico per le merci e l’unione doganale, la libertà di circolazione, le quote di pesca e l’intero testo della Corte europea, al fine di ottenere qualsiasi accordo commerciale”.

Ciò che questi alti spiriti democratici non si aspettavano, era la solita irruzione della democrazia  parlamentare.  Adesso, senza accordo, Londra si avvia all’Hard Brexit. E la dirigenza tedesca scopre che il Brexit duro danneggia la Germania anche più della Gran Bretagna. S’è accorta, per fare un esempio, che  il Regno Unito “con 750 mila veicoli  l’anno, è il più grande mercato delle auto tedesche, più grande degli Stati Uniti e della Cina”,  ma  è anche  parte del sistema di sub-fornitori.  Lo IW Institut di Colonia s’è accorto che  in caso di hard Brexit,  le esportazioni tedesche in Gran Bretagna potrebbero calare del 57%. Non era poi tanto difficile prevederlo, visto che (come al solito) Berlino ha verso Londra un esagerato surplus commerciale, 54 miliardi, un quinto di tutto il surplus dell’export tedesco nel mondo.

Ogni anno il Pil britannico è tosato del  4,5% dalle importazioni nette dalla UE,  un grosso prelievo  sulla domanda interna aggregata.  In un Brexit “duro” , Londra avrebbe la possibilità, persino secondo le nome dell’WTO (Organizzazione Mondiale del Commercio) , di spostare i miliardi  attualmente trasferiti alla UE con le importazioni, “per proteggere settori specifici come la produzione di automobili”.  Potrebbe persino arrivare a nazionalizzazioni temporanee, come Obama fece per la General Motors nel 2009: “Gli stati sovrani possono fare quel che vogliono”, sottolinea il giornalista. In più, il benefico calo della sterlina si riflette subito in una diminuzione di questo export.

La Germania è resa ancora più fragile dalla recessione globale in corso. Dalla Federal Reserve che ha alzato i tassi, dalla Deutsche  Bank in   bilico sul buco nero,  dal rallentamento cinese (cresce “solo” del 5,5%,  nel  2019 del 4%  – che per Pechino è recessione):  è ovvio che  ciò  colpisca il paese più ferocemente esportatore,  che è sapete chi.  Ora gli industriali tedeschi stanno premendo sulla Merkel perché faccia alla May una “offerta che non possa rifiutare”, ciò  che Evans-Pritchard, un lucido “brexiteer”,  teme. Attenzione  però,  questo equivale ad un invito a  togliere a  Juncker e alla sua junta di malvagi gratuiti la trattativa,  ad esautorarla e  a  farle  abbassare le intenzioni punitive con cui – Germania consenziente –   l’oligarchia UE l’ha condotta.  Anche  qualche ora fa un membro della  Kommisija ha ridacchiato dicendo alla stampa che una uscita  senza accordo “danneggerà molto i servizi finanziari britannici” –  e Evans Pritchard dice: come si permette di usare un simile linguaggio un funzionario UE? Evidentemente nell’isola resta un orgoglio nazionale che noi italiani non abbiamo mai avuto..

Danneggiata anche l’Italia (perché la UE ci aiuta…)

E a proposito dell’Italia, il giornalista del Telegraph  informa che danneggerà più che la Gran Bretagna, “la Germania e l’Italia” perché “nonostante che l’Italia abbia una modesta esposizione commerciale diretta  con il Regno Unito, vi è esposta indirettamente  attraverso il polo industriale Milano-Torino, interconnesso [come sub-fornitore] alla  macchina esportativa  tedesca, che è in difficoltà.

Concetto da dedicare al presidente Mattarellla. Il quale, esultando e congratulandosi con  tutti gli altri potenti oligarchi  europeisti italiani per la  Caporetto di Salvini-Di Maio, ha scandito:  “L’Europa non è un “vincolo esterno” ma piuttosto un moltiplicatore nella nostra influenza internazionale e della nostra capacità di espansione economica e commerciale.” 

Ciascuno può vedere quanta verità contenga questa frase. Come dice Alessandro Del Prete, dopo Mattarella, Orwell è definitivamente un dilettante.

(P.S.  – Per far questo articolo mi sono abbonato al Telegraph, pagando per voi che invece mi leggete gratis, e fate i vostri commentini).

Secondo me farebbe bene ad abbonarsi anche Salvini, sottraendo il  suo tempo prezioso al Milan e alle visite di Albano. Anche a Di Maio non farebbe male. Perché il governo che doveva vincere la povertà  è un governo delle  tasse sui poveri sotto dettatura UE:

Gongola David Carretta, l’uomo dei radicali a Bruxelles: “La manovra populista: 4,2 miliardi di tagli agli investimenti più 2 miliardi di spese congelate nel 2019; 9,4 miliardi di aumenti IVA nel 2020”.

I tagli imposti dalla UE e accettati dal governo.

Un risultato che lo avvicina dalle “conquiste”   dei tre ultimi governi PD, Renzi-Letta-Gentiloni, come ricorda l’account manager Maurizio Corte:

2013-2018, 3 governi PD, 3 premier, 3 incapaci, altrimenti ne bastava uno…

Deficit/PIL: 2015=2,6%+6,4 miliardi  extradeficit

2016=2,4%+9,6  miliardi extradeficit

2017=2,4%+11,2 miliardi extradeficit

Insomma quattro bilanci taroccati”.

Al termine dei quali, ci hanno lasciato “altri 328  miliardi di debito pubblico”.

Ma questo a  Juncker, a Moscovici, a Mattarella, andava bene. Perché i taroccatori di bilanci, basta che non discutano il potere dispotico ed arbitrario della Komissija,  e possono sforare.

I messaggi contorti e malati di “Le terraficanti avventure di Sabrina”

I messaggi contorti e malati di “Le terrificanti avventure di Sabrina”

Pubblicato da neovitruvian

Rivolto ad un pubblico adolescente, la serie contiene messaggi inquietanti su satanismo, femminismo e sessualità. Ecco uno sguardo approfondito all’agenda dietro “Le terrificanti avventure di Sabrina.”

Con l’avvento dei servizi di streaming come Netflix, l’intrattenimento è sempre più consumato sotto forma di serie multi-episodio. Con una durata di decine di ore, queste serie non raccontano semplicemente una storia, creano mondi coinvolgenti in cui gli spettatori sono profondamente immersi. In effetti, le serie non sono strettamente legate a una narrazione: sono esperienze prolisse che diventano parte della vita di coloro che le guardano.

La prima stagione di Le terrificanti avventure di Sabrina, una serie destinata agli adolescenti, contiene dieci episodi della durata di un’ora. In queste dieci ore di contenuti, molte parole vengono dette, molti messaggi risultano impliciti e molti simbolismi vengono impressi nella mente degli spettatori. E, essendomi guardato questa prima stagione (due volte), posso confermare che c’è molto da analizzare.

Alcuni mesi fa, ho scritto un breve articolo intitolato “Le terrificanti avventure di Sabrina sara` estremamente satranico, che descriveva l’evidente simbolismo satanico del trailer.

Il trailer mostrava Sabrina che celebrava il suo sedicesimo compleanno con Satana stesso.

Rilasciato poco prima di Halloween – la festa più importante nei circoli satanici – la serie porta i suoi giovani spettatori in un’avventura occulta mescolata a tutti i tipi di messaggi sociali. In effetti, durante queste dieci ore di contenuto infernale, agli spettatori vengono insegnate le basi del satanismo, che la stregoneria è il modo migliore per sconfiggere il “patriarcato”, e che il cannibalismo non è poi così male. In breve, la serie e` uno strumento con cui l’élite occulta cerca di fare il lavaggio del cervello ai bambini con il suo programma.

LA PREMESSA

Anche la sigla è piena di simbolismo.

La serie è basata su fumetto Sabrina the Teenage Witch. Tuttavia, è stato “reimmaginato” in modo da essere più oscuro e spigoloso … e di adattarsi all’ordine del giorno dell’élite. La storia si svolge nello stesso universo di Riverdale – un’altra serie che è estremamente popolare tra gli adolescenti (e probabilmente richiede un articolo a parte). Entrambe le serie sono state sviluppate da Roberto Aguirre-Sacasa, uno scrittore noto anche per aver creato Glee (puro horror musicale) e per aver scritto un’opera teatrale intitolata Say You Love Satan, che è descritta come una “commedia romantica gay demoniaca”.

Anche le terrificanti avventure di Sabrina potrebbe essere descritta come una “commedia romantica demoniaca”, ma va molto oltre.

Nel primo episodio, la premessa è descritta come segue:

“Nella città di Greendale, dove sembra sempre Halloween, viveva una ragazza che era mezza strega, mezza mortale, che, per il suo sedicesimo compleanno, avrebbe dovuto scegliere tra due mondi: il mondo delle streghe della sua famiglia e il mondo umano dei suoi amici “.
La premessa principale è su misura per essere facilmente associabile agli adolescenti. Parla di una ragazza di 16 anni che va al liceo, ama il suo ragazzo e esce con le sue amiche. Ma anche lei è una strega e la sua famiglia è satanica. Durante le sue avventure infernali accadono molte cose inquietanti e vengono mandati molti messaggi. Ecco alcuni dei temi sfruttati dalla serie.

VENDERE IL SATANISMO

In ogni episodio della serie, i principali “punti di forza” del satanismo sono intrecciati nella trama e presentati in un modo che è facilmente riconoscibile per gli adolescenti. Le due zie e cugine di Sabrina sono streghe convinte che gridano “loda Satana” quando succede qualcosa di buono. Tuttavia, non sono arpie dal naso a punta che girano su scope, ma donne simpatiche e intelligenti che agiscono da madri premurose verso Sabrina. In realtà, tutte le streghe della serie sono persone spiritose, carismatiche e di bell’aspetto, che hanno una mentalità aperta e tollerante nei confronti di tutti i tipi di stili di vita.

Le streghe vivono vite molto lunghe e invecchiano molto lentamente. Così tanti vantaggi per servire Satana

Quando era una “buona cristiana”, la signora Wardwell era una signorina noiosa e tesa. Dopo che la “concubina di Satana” prese il suo corpo, si trasformò in una strega spiritosa, sensuale e potente.

Come detto sopra, Sabrina ha un dilemma: da una parte potrebbe diventare una strega superpotente onnipotente dall’altra potrebbe restare una ragazza normale. Ecco come la serie presenta il “dilemma”. Come dice Sabrina: “ci sono così tanti vantaggi nell’essere una strega”.

Per diventare una strega, Sabrina deve passare attraverso un “battesimo oscuro” e donarsi a Satana. Tuttavia, Sabrina ha alcune domande che vengono usate per educare gli spettatori sul satanismo. Ad un certo punto Sabrina chiede al Sommo Sacerdote della sua congrega:

“- Ma il diavolo … è l’incarnazione del male.
– Non corretto. Lui è l’incarnazione del libero arbitrio. Bene. Male. Quelle parole sono importanti per il Falso Dio, ma l’Oscuro Signore è al di là di tali precetti. “

Sì, durante tutta la serie, Dio è indicato come il Falso Dio – una figura paterna impotente e oppressiva. Per rendere il battesimo oscuro ancora più attraente, il Sommo Sacerdote aggiunge:

“In cambio del loro servizio e della loro devozione, le streghe sono esentate dall’inferno.”

Subito prima del battesimo, il Sommo Sacerdote fornisce più dettagli sul satanismo:

“Il nostro Oscuro Signore ci insegna: non c’è legge al di là del “Fai cio` che vuoi”. Il nostro Oscuro Signore chiede: “Vorresti essere felice, bambina? Essere libera? Libera di amare e odiare? Essere ciò che la natura voleva tu fossi, fedele alle sue leggi e solo a te stessa?
– Sì, padre.
– Credi in Lucifero, l’arcangelo, che ha preferito perdere il Paradiso piuttosto che perdere il suo orgoglio?
– Sì, padre. “

Più avanti nella serie, agli spettatori viene insegnata l’interpretazione satanica del Libro della Genesi.

“Eva è morta quando ha mangiato il frutto, bambini? No certo che no. Il Falso Dio ha mentito ad Eva perché desiderava tenerla nuda e ignorante nel suo giardino. Ma il nostro signore Satana, che aveva le sembianze di un serpente, diede a Eva conoscenza e la liberò “.

Come vedremo più tardi, Satana viene spesso descritto come una figura liberatrice ed emancipatoria per le donne.

All’interno della “Scuola delle Arti Invisibili”, dove le streghe imparano invocazioni e demonologia, una gigantesca statua di Baphomet siede su di essa con una “luce divina”. È una replica esatta della statua di Baphomet installata dal Satanic Temple nel Michigan.

La serie è piena di piccoli dettagli contorti. Per esempio, il coro satanico della scuola canta una canzone che inizia con queste parole:

Always is always forever
As one is one is one
Inside yourself for your father
All is none all is none all is none

Il nome della canzone è I’ll Never Say Never to Always ed è stata scritta da … Charles Manson. Sì, il cultista serial killer e schiavo / handler MKULTRA Charles Manson.

La canzone è tratta dall’album del 1970 di Charles Manson “Lie: The Love and Terror Cult”. L’élite occulta ama Charles Manson.

Mentre Sabrina viene a conoscenza delle arti oscure, a volte si ribella alla sua educazione satanica e cerca di liberarsene. Ci riesce? Ovviamente no. Infatti, Sabrina finisce per firmare il Libro della Bestia (dando l’anima a Satana), che la trasforma in una strega superpotente. E questi superpoteri finiscono per salvare l’intera città di Glendale. Grazie, Satana.

Per rendere il Satanismo ancora più attraente, la serie lo equipara anche al femminismo.

IL SATANISMO COME ALLEATO DEL FEMMINISMO E DELLA COMUNITA` LGBT

Quasi tutti gli uomini rappresentati nella serie sono bruti arrabbiati, invadenti, violenti, omofobi e giudicanti.

Quando non fanno i prepotenti con l’amica di Sabrina, questi atleti chiamano le ragazze “cani” 

Una delle prime scene della serie mostra gli atleti che colpiscono l’amica di Sabrina, Susie, la quale sembra avere il desiderio di diventare transessuale. Per peggiorare le cose, il preside della scuola, descritto come un misogino, non agisce. Chi salverà queste ragazze dalla “mascolinità tossica”? Le streghe, ovviamente (potenziate da Satana). Il messaggio è chiaro: “Dal momento che gli uomini sono più potenti fisicamente delle donne, la stregoneria è il modo migliore per combatterli”.

Dopo aver usato il sesso per attirare gli atleti in una grotta, Sabrina e le sue amiche streghe usano la stregoneria per tormentarli e umiliarli. Le streghe lanciano persino un incantesimo per rendere impotenti i ragazzi per un periodo di tempo indeterminato. Prendete questa uomini bianchi etero!

Il padre di Harvey (il fidanzato di Sabrina) è un coglione violento e arrabbiato. In questa scena, sta per dare un pugno in faccia al proprio figlio. Fortunatamente, una strega gli impedisce di colpirlo con un incantesimo. Grazie, Satana.

Molti altri atti di stregoneria sono preceduti da momenti #metoo.

La signora Wardwell aveva bisogno di sacrificare un vergine per scatenare un potente incantesimo. Si trasforma quindi in una ragazza e esce con un atleta che continua a starle addosso.

La signora Wardwell ritorna alle sue sembianze originali e squarcia la gola del ragazzo in modo ritualistico. Il messaggio? Ha meritato di essere sacrificato perché ha detto qualcosa di inappropriato.

Il preside della scuola di Sabrina è ritratto come una figura oppressiva e misogina. Inoltre, è costantemente arrapato e continua a interagire con la signora Wardwell come farebbe un maiale pervertito. Lei se lo mangia. Letteralmente. Come vediamo più avanti, la serie da molto risalto al cannibalismo. Ma se lo meritava, giusto? GIUSTO? Era necessario mangiarselo?

L’ultimo, cruciale momento della stagione – quando Sabrina firma il Libro della Bestia e consegna l’anima a Satana – è una rappresentazione di potere femminista. La signora Wardwell dice a Sabrina:

“So che sei spaventata, Sabrina. Perché alle donne viene insegnato a temere il potere. Prendi il tuo potere. Non accettarlo dal Signore Oscuro. Prendilo. Impugnalo. Salva i tuoi amici “.

Il rapporto tra stregoneria e femminismo coinvolge anche i suoi amici non stregoni.

WICCA SCHOOL CLUB

Per proteggere Susie dai bulli a scuola, Sabrina crea un club per “donne che proteggono le donne” e per combattere la “cultura della mascolinità puritana”. Il nome del club? WICCA che sta per “Women’s Intersectional Cultural and Creative Association”.

La parola “intersezionale” non è casuale. Si riferisce a un concetto molto specifico nelle “teorie critiche”.

L’intersezionalità è un concetto spesso usato nelle teorie critiche per descrivere i modi in cui le istituzioni oppressive (razzismo, sessismo, omofobia, transfobia, xenofobia, classismo, ecc.) sono interconnesse e non possono essere esaminate separatamente l’una dall’altra. Il concetto è arrivato per la prima volta dallo studioso legale Kimberlé Crenshaw nel 1989 ed è largamente usato nelle teorie critiche, specialmente nella teoria femminista, quando si parla dell’oppressione sistematica.
– Intersezionalita`, Definizione

Combinato con questo concetto è il nome WICCA che significa Stregoneria Pagana. Ancora una volta, il femminismo e la stregoneria sono mescolati insieme in un insieme coerente per “potenziare” le donne. Sabrina paragona anche il club della scuola a una congrega di streghe dove “le sorelle si difendono reciprocamente”.

Quando Rosalind chiede se il club deve “rovesciare il patriarcato bianco”, Sabrina risponde “esattamente”. Quindi, il club è anche sessista e razzista? No? OK. Sto solo controllando.

Una volta formati, i membri della WICCA scoprono che alcuni libri sono stati banditi dal consiglio scolastico. La loro missione ora e` quella di ottenere questi libri censurati. Citando il “fascismo”, il club sostiene che “nessuno dovrebbe decidere cosa possiamo e non possiamo leggere”. I libri in questione: The Bluest Eye e Lolita.

WICCA organizza una lettura segreta del libro “The Bluest Eye”. Il club è supportato dalla signora Wardwell che sembra essere la concubina di Satana.

Ancora una volta, la serie si riferisce a opere e problemi molto reali. The Bluest Eye è un vero romanzo scritto nel 1970 dalla scrittrice afroamericana Tomi Morrison. Nel corso degli anni, il libro è stato bandito da diversi consigli scolastici perché contiene scene grafiche che includono “stupro, abuso, incesto e pedofilia”. Una scena particolare, che descrive graficamente una ragazza vittima di abusi da parte di suo padre, è stata ritenuta inappropriata per essere letta dai bambini in diversi Stati. Ad esempio, nel 2016 una scuola del Michigan ha bandito The Bluest Eye perché era considerata “pornografica” e conteneva “riferimenti negativi all’interno del testo contro la fede cristiana”.

WICCA si è anche opposta alla messa al bando di Lolita, un romanzo su un uomo di mezza età che diventa ossessionato da una ragazza di 12 anni con la quale diventa sessualmente coinvolto dopo essere diventato il suo patrigno.

Perché stanno combattendo e sostenendo specificamente libri che coinvolgono il sesso con minori? Forse perché l’intera serie (e l’élite occulta che l’ha creata) è decisa a farlo.

SESSUALIZZARE I MINORI

Al momento del suo oscuro battesimo, Sabrina ha ancora tecnicamente 15 anni. Nonostante questo fatto, la serie implica chiaramente che il suo battesimo coinvolge la sua copulazione con Satana.

Prima del suo battesimo scuro, Sabrina indossa un abito da sposa bianco.

Gli abiti da sposa bianchi rappresentano la purezza e la verginità della sposa. E la verginità di Sabrina era molto importante prima del battesimo. Quando confermò che era ancora pura prima del suo oscuro battesimo, sua zia rispose: “Lodate Satana!”. Sabrina chiede quindi “Perché e` lui a decidere cosa fare con il mio corpo?”.

Entrando nel sito del battesimo oscuro, l’abito di Sabrina diventa magicamente nero.

Ancora una volta, il simbolo dell’abito bianco che diventa nero appare nei mass media.

Sabrina, quindi, viene spogliata dalle sue zie e si inginocchia davanti al Sommo Sacerdote, il rappresentante di Satana sulla Terra.

La sua firma del Libro della Bestia è descritta come il “momento della consumazione” tra Satana e Sabrina.

Una volta che entra nella Scuola delle Arti Invisibili, Sabrina scopre che le sue sorelle streghe sono interessate in orge sfrenate dove succede di tutto

In questa scena, Sabrina (che ha appena compiuto 16 anni) viene invitata ad unirsi ad un’orgia da strega, che include anche il suo cugino pansessuale e il suo ragazzo.

La serie normalizza anche un altro punto dell’agenda dell’élite occulta.

NORMALIZZARE IL CANNIBALISMO

In precedenti articoli su Neovitruvian, ho notato che il cannibalismo è, per qualche motivo folle e malato, promosso dai mass media. Le terrificanti avventure di Sabrina sta facendo la sua parte nel promuoverlo.

Nel primo episodio, le zie di Sabrina (che gestiscono un obitorio) ricevono il corpo di un ragazzo che è stato pugnalato a morte. Osservando il cadavere, Zelda sospira:

“È un peccato che volessero una bara aperta, non abbiamo avuto un maiale lungo da secoli”.

L’espressione “maiale lungo” è usata dagli psicopatici per descrivere la carne umana come cibo. Quindi, Zelda voleva mangiare il ragazzo che era stato assassinato.

In un episodio successivo, Zelda sogna di ricevere Satana per cena. Lei gli prepara il suo piatto preferito: bambino arrostito.

Zelda scopre un bambino che abbastanza paffuto e morbido

Zelda arrostisce il bambino. Vediamo la sua. Queste persone sono malate.

Nell’episodio del Ringraziamento, apprendiamo che la congrega di Sabrina celebra una festa diversa: La “Festa delle feste”. In questo giorno, una strega “fortunata” viene sacrificata ritualmente e mangiata dal resto della sua congrega.

Sì, Sabrina. Stai seriamente parlando di cannibalismo.

Durante l’episodio Sabrina si oppone a questa “pratica barbarica” e tenta di fermarla. Ci riesce: l’amica di Sabrina non viene mangiata. Tuttavia, la notte della Festa delle Feste, le streghe si arrabbiano e chiedono il sangue. Una strega particolarmente zelante si taglia la gola e offre il suo corpo alla congrega.

Come un branco di iene, la congrega ha sventrato la strega e l’ha mangiata cruda.

Nello stesso episodio, la signora Wardwell dice che di solito “ordina un takeaway” per il giorno del Ringraziamento.

Quando il fattorino arriva a casa della signora Wardwell, lei gli chiede di entrare e appoggiare la pizza. Lo uccide e lo mangia. Beh, se lo meritava. Aveva un’espressione compiaciuta alla “Voglio assolutamente sbattermi quella MILF” Cannibalismo contro il patriarcato!

PROFANAZIONE DEL CRISTIANESIMO

I rituali e i simboli satanici si basano principalmente sull’inversione, sulla corruzione e sulla perversione del cristianesimo. Le terrificanti avventure di Sabrina dissacrano completamente il cristianesimo in molti modi – dai riferimenti sottili alla palese blasfemia.

I rituali della congrega (compresa la festa delle feste) hanno luogo in una chiesa sulla quale sono stati dipinti un pentagramma invertito e le parole “This way to hell”. 

In un episodio iniziale, quando Sabrina pone domande su Satana al Sommo Sacerdote, la zia interviene e dice:

“Perdonala padre, non sa quello che dice”.

Questa frase è una distorsione di quello che disse Gesu` “Padre, perdonali perché non sanno quello che fanno” mentre e` crocifisso.

In un altro episodio, la zia Zelda chiede al Sommo Sacerdote “guida spirituale” e “confessione satanica”. Le cose quindi si fanno inappropiate per i bambini.

La confessione diventa BDSM. Il Sommo Sacerdote aggiunge: “Insieme soffriremo in un’ecstasy squisita”.

La confessione è un rito nella Chiesa cattolica. La serie la trasforma in un feticcio. Inoltre, Gesù fu flagellato prima di portare la croce.

Più tardi, Sabrina cerca di emulare Gesù. Quando Tommy, il fratello del suo fidanzato, muore all’interno delle miniere, Sabrina decide che avrebbe dovuto resuscitarlo – non diversamente da come Gesù ha fatto risorgere Lazzaro dai morti. Tuttavia, il metodo di Sabrina richiede la piu` oscura delle arti: la negromanzia.

Sabrina esegue un incantesimo di negromanzia usando il Libro dei morti, che richiede anche un sacrificio di sangue. Quindi Sabrina taglia la gola di una strega.

Dopo il rituale, Tommy viene risuscitato e torna a casa. Tuttavia, c’e` qualcosa di terribilmente sbagliato: Tommy è uno zombi senz’anima che potrebbe uccidere tutta la sua famiglia. Alla fine, il ragazzo di Sabrina deve sparare al proprio fratello in testa. Questa intera prova era una versione completamente corrotta della risurrezione di Gesù. Ma non è tutto.

Sabrina vuole anche resuscitare la strega che è stata sacrificata. Per farlo, la seppellisce in del terriccio magico chiamato “il pozzo di Caino”

Il pozzo di Caino è identificato con una croce rovesciata.

Secondo sua zia, la fossa magica è ricavata dal “terreno raccolto dal giardino di Caino e intriso del sangue di Abele”.

Mentre questo pezzettino di dialogo potrebbe essere insignificante per gli spettatori, ha un profondo significato spirituale. Ecco un breve riepilogo della storia di Caino e Abele.

Nel libro biblico della Genesi, Caino e Abele sono i primi due figli di Adamo ed Eva. Caino, il primogenito, era un contadino, e suo fratello Abele era un pastore. I fratelli fecero sacrifici a Dio, ciascuno dei suoi prodotti, ma Dio favorì i sacrifici di Abele invece che quelli di Caino. Caino uccise poi Abele, dopo di che Dio punì Caino a una vita di vagabondaggio. Caino dimorò nella terra di Nod, dove costruì una città e generò la sua discendenza cominciando con Enoch.

La storia biblica aggiunge anche che “la terra era diventata maledetta non appena il sangue di Abele colpi` il suolo”. È in questo terriccio maledetto che la famiglia di Sabrina resuscita le streghe morte. I circoli occulti percepiscono loro stessi come discendenti di Caino che costruì una città e un lignaggio con i propri mezzi, senza l’aiuto di Dio.

CONCLUDENDO

Considerando la natura grave e inquietante degli argomenti discussi sopra, è difficile credere che questo articolo riguardasse uno spettacolo rivolto agli adolescenti (e probabilmente anche visto da molti pre-adolescenti e bambini). In molti modi, Le terrificanti avventure di Sabrina è una tipica serie per adolescenti. Tuttavia, in aggiunta a questa narrativa di base, la serie aggiunge uno spesso strato di propaganda sociale e spirituale intesa a vendere idee molto specifiche.

Tutti gli argomenti discussi sopra (il satanismo, la stregoneria come alleati del femminismo e degli LGBTQ, la sessualizzazione dei minori, la glorificazione del cannibalismo e dissacrare il cristianesimo) sono stati, per anni, spinti dai mass media in tutti i modi. Le terrificanti avvanture di Sabrina è chiaramente parte di questo programma che continua a diventare più palese.

In breve, Le terrificanti avventure di Sabrina è un’istantanea perfetta della cultura popolare nel 2018: si tratta di odiare i nostri simili mentre ci si inchina a Satana.

Fonte

La religione laica di Einstein, maestro di vita

DI MASSIMO FINI

ilfattoquotidiano.it

Prima pagina della lettera

Christie’s ha venduto all’asta a New York per 2 milioni e 892.500 dollari una lettera che Albert Einstein scrisse a Eric Gutkind nel 1954, a 74 anni, mezzo secolo dopo aver preso il Nobel per la Fisica. Ma più fortunati del ricco Epulone che l’ha acquistata siamo noi che possiamo leggere gratuitamente questa straordinaria lettera di questo straordinario scienziato e di quest’uomo straordinario i cui pensieri continuano ad abitarci, come quelli di tutti i grandi, da Eraclito a Leonardo a Dante a Shakespeare a Milton a Nietzsche a Leopardi, anche se i loro corpi “dormono, dormono” sulla collina o altrove, e le loro menti non hanno più coscienza di sé e tantomeno di ciò che hanno suscitato.

La lettera di Einstein ruota intorno alla questione eterna dei rapporti fra scienza, religione, spiritualità e il mito di Dio. Einstein, da scienziato, è un ‘non credente’: “Sono un religioso, non un credente…Per me la parola ‘Dio’ non è altro che l’espressione e il risultato della debolezza umana”. E liquida la Bibbia (“un libro raccapricciante che suscita orrore” secondo l’interpretazione del laico Sergio Quinzio) il Vangelo e tutte le altre cosmogonie come raccolte di “Leggende venerabili ma piuttosto primitive. Non c’è un’interpretazione, per quanto sottile possa essere (e qui si riferisce precipuamente alla Bibbia, ndr) che mi faccia cambiare idea…Per me la religione ebraica nella sua versione originale è, come tutte le altre religioni, un’incarnazione di superstizioni primitive”. Insomma sono miti fondativi, ma senza nessun riscontro storico e tantomeno scientifico.

Ma Einstein non è un ‘non credente’ integralista, ‘freddo’ alla Rita Levi-Montalcini, se in questa stessa lettera riprende un passaggio di Spinoza che concepiva la figura di Dio come un essere senza forma, impersonale: l’artefice dell’ordine e della bellezza visibili nell’universo. In Einstein sembra quindi esserci comunque e nonostante tutto una tensione verso il trascendente e in questo credo consista la sua ‘spiritualità’. La presenza/assenza di Dio lo turba se nella famosa polemica col collega danese Niels Bohr, che aveva descritto per primo la struttura dell’atomo, gli replica: “Dio non gioca a dadi con l’universo”.

Einstein è ebreo e si riconosce nella cultura ebraica sia pur senza integralismi (“con piacere”) e scrive: “E la comunità ebraica, di cui faccio parte con piacere e alla cui mentalità sono profondamente ancorato, per me non ha alcun tipo di dignità differente dalle altre comunità. Sulla base della mia esperienza posso dire che gli ebrei non sono meglio degli altri gruppi umani, anche se la mancanza di potere evita loro di commettere le azioni peggiori”. E qui Einstein centra una questione molto attuale, che non ha a che vedere con la scienza ma con l’essenza dell’umano, e che risponde a quella legge storica per cui i vinti di ieri una volta diventati vincitori non si comportano molto diversamente dai loro antichi sopraffattori. Altrimenti sarebbe incomprensibile come lo Stato di Israele tenga a Gaza un enorme lager a cielo aperto, quando proprio dei lager gli ebrei sono stati vittime nei modi atroci che ci vengono sempre ricordati.

La lettera venduta l’altro giorno da Christie’s ci riporta anche alla famosa polemica fra Niels Bohr e lo stesso Einstein. In estrema sintesi: Bohr sostiene il “principio di indeterminazione” e cioè che la Scienza non può arrivare a scoprire la legge ultima dell’universo, Einstein al contrario non riuscirà mai a convincersi che non sia possibile, per l’uomo, arrivare alla Verità assoluta. E qui noi, pur nella consapevolezza di inserirci da nani in un confronto fra giganti, stiamo con Bohr che doveva aver ben presente il profondo insegnamento di Eraclito: “Tu non troverai i confini dell’anima (e qui per anima va intesa la Verità, ndr) per quanto vada innanzi, tanto profonda è la sua ragione”. E aggiunge: la legge autenticamente ultima ci sfugge, è perennemente al di là e man mano che cerchiamo di avvicinarla appare a una profondità che si fa sempre più lontana.

Infine in un’altra nota Einstein, nella sua saggezza umana, molto umana e nient’affatto troppo umana ci dà un consiglio, che con la fisica ha poco a che vedere, ma che dovrebbe far rizzare le orecchie ai cantori molto attuali, inesausti e dilaganti delle “sorti meravigliose e progressive”, delle crescite esponenziali e del mito del successo: “Una vita tranquilla e umile porta più felicità che l’inseguimento del successo e l’affanno senza tregue che ne è connesso”.

Massimo Fini

Il Fatto Quotidiano, 12 dicembre 2018

Commento di Holodoc 
Il concetto citato da Einstein di un Dio impersonale, del Divino senza Ego, può sembrare originale se visto con gli occhi di chi è nato in seno alle religioni abramitiche.
In realtà è un concetto molto più antico di Abramo e lo si ritrova in tutti i culti animistici, ma anche nella tradizione orientale, ad esempio nelle filosofie Buddhista e Yoga.
in sostanza si tratta di credere che l’Universo intero abbia una sua coscienza, una energia o Spirito, da cui tutto, oggetti inanimati e viventi, è stato generato e da cui mai si separa. L’uomo, ingannato dal suo intelletto, è portato a credere di essere al contrario una entità isolata dalla Natura e dagli altri esseri (Dualità). Questo lo porta ad agire egoisticamente, ad essere invidioso, timoroso, avido, ambizioso e di conseguenza infelice.
Einstein, che aveva una sensibilità fuori dal comune, lo aveva capito.
Aveva capito la vera natura dell’Universo e lo ha dimostrato con le sue clamorose scoperte, frutto di intuizione e non di calcolo (la matematica era il suo punto debole).
Per questo non mi meraviglierei se un giorno, quando ci saremo evoluti a sufficienza, scopriremo che Einstein aveva avuto di nuovo ragione e che il Principio di Indeterminazione non è altro che la nostra attuale incapacità di vedere.